GIORNO 75: PAKISTANI ADVENTURES


Advertisement
Pakistan's flag
Asia » Pakistan » North West Frontier Province » Peshawar
November 27th 2006
Published: December 2nd 2006EDIT THIS ENTRY

UCH SHARIFUCH SHARIFUCH SHARIF

La foto è come quella della Lonely Planet.. anzi meglio..

LA CADUTA DEGLI EROI


La "vendetta di Montezuma" colpisce anche in Pakistan





Dai diamanti non nasce niente,
dal letame nascono fiori.


Fabrizio De Andrè





E così un bel pomeriggio parto da Quetta e mi accingo a lasciare il Baluchistan. Fino all'ultimo son indeciso sulla mia destinazione: arrivare a Lahore direttamente non se ne parla, troppo distante, così opto per uno stop-over: fino al giorno della partenza son propenso ad andarmene a Multan, ma alla fine deciso di fare una piccola pazzia, e cambio meta. E' infatti da quando son partito che, negli Highlights del Pakistan, nella mia LP, continuo a guardare una foto che ritrae un Mausoleo, e a dirmi: "Questo voglio proprio vederlo". Mi basta poi leggere cosa la guida dice al riguardo, per convincermi: "Famosa meta di pellegrinaggi, dove ben pochi stranieri arrivano".. è il mio posto, lo sento! E così alle 16,30 salgo sull'autobus, e via! Il problema è che il bus fa un giro dell'oca che allunga tantissimo: passo il Bolan Pass, lascio il Baluchistan, puntando prima verso sud e attraversando uno spicchio di Sindh, per poi andarmene di nuovo a nord ed e entrare finalmente in Punjab.. ok, ce l'ho fatta, son arrivato a
BAHAWALPURBAHAWALPURBAHAWALPUR

Vista dei tetti.. che panorama stupendo!!


BAHAWALPUR

Alla faccia dello spezzare il viaggio!! In totale le ore di viaggio saranno 19 (e ribadisco 19)! Arrivo che son a pezzi, e incontro pure qualche difficoltà a trovare una sistemazione: si ripete, infatti, lo stesso problema dell'Iran: non voglion gli stranieri, e si spacciano per pieni! Tento più volte presso un hotel, e alla fine trovo, per fortuna, un signore che mi aiuta nella mediazione. Il padrone mi chiede se, per i problemi di sicurezza, son passato dalla polizia a registrarmi. Candidamente gli rispondo che ritengo più pericolosa la polizia, che la gente comune, e la mia risposta suscita una sonora risata e l'ottenimento di una stanza (prontamente cambiata con un'altra, in quanto il bagno traboccava di merda.. alla faccia dell'hotel pieno!)
Passo il resto della giornata a dormire, e faccio una fugace uscita la sera, a smangiucchiare qualcosa: la città in sè non offre nessuno spunto e risulta particolarmente anonima: qui in Punjab si respira molto aria di India, l'unica cosa è che, rispetto quest'ultima, manca di fascino: credo sia una questione di tradizione religiose. Rispetto al suo più grande vicino, infatti, il Pakistan manca di quel miscuglio di religioni che rendon mistica l'India: in
VITA RURALEVITA RURALEVITA RURALE

Il Pakistan non è solo moschee e palazzi..
giro infatti non ci son templi, mancan le multiformi e multicolori divinità hindu, niente vacche (ma tanti asinelli!).. insomma, tutto quello che affascina tanto noi Occidentali! Una cosa, però, ha di grande il Pakistan, e ne avrò la riprova anche nei giorni seguenti: la gente! Vera e sincera, ha l'ospitalità tipica musulmana nel sangue: spesso anche sugli autobus strapieni trovi gente che vuole cederti il posto, e le offerte di chay e quant'altro arrivan da tutte le parti, per il semplice gusto di poter chiacchierare con uno straniero per un po' di tempo. Anche girare si rivela particolarmente semplice: nessuno cerca di fregarti, e i prezzi son sempre uguali, per stranieri e locali (e chi viaggia sa quanto sia difficile, spesso e volentieri, riuscire a spuntare il prezzo reale, anche solo nell'acquisto di una bottiglia d'acqua!)
Il giorno successivo, son carico per andar a visitare il motivo della mia venuta qui. In qualche modo riesco ad arrivare da dove parton i pulmini, salgo su quello giusto, insieme ad altre 500 persone, e via, destinazione Uch Sharif, distante una settantina di chilometri! Siamo stipati come polli, ma il viaggio risulta agevole, lungo strade di campagna e passando attraverso villaggi con mercati
READY?READY?READY?

Allora inizia il match di cricket!!
chiassosi e polverosi. Vai che vai, ad un certo punto il tipo del pulmino, seduto di fronte a me (e ribadisco di fronte..) mi guarda, e mi fa un gesto, come per dire: che ci fai ancora qui? Non dovevi scendere a Uch! E bravo scemo!?! Se non me lo dici tu, di scendere, che ne posso sapere io?!Posso arrivare anche fino a Giove, per quel che mi riguarda!! Poco male: arrivati ad un ingorgo dovuto ad un ponte che attraversa un fiume, scendo, e prendo un bus che va nella direzione da cui stavo arrivando.. non c'è problema.. tanto ho fatto pochi chilometri, in questi giorni!! Finalmente arrivo a destinazione, il Bazaar di Uch. Qui conosco centinaia di persone: in cinque minuti son già diventato una celebrità: chi mi offre una Pepsi, chi mi chiede l'indirizzo, chi vuole una foto con me.. insomma.. il nuovo Tom Cruise! Peccato che sian ovviamente tutti maschi.. Trovo poi un ragazzo che si offre di guidarmi, nel dedalo di questa cittadina, fino alla meta. Qui la povertà si fa sentire: sporcizia dappertutto, case diroccate, bambini che va in giro con i vestiti a brandelli e giocan a cricket nelle discariche..
Ma finalmente arrivo:
LAHORELAHORELAHORE

E vai di smog!!
ho davanti il Mausoleo di Bibi Jawindi, un santo molto venerato da queste parti. Oh.. posso finalmente ammirarlo e scattare una foto identica a quella della LP (anche meglio, secondo me!). Poi comincio a girarci attorno e.. scopro che praticamente esiste solo mezzo Mausoleo!! Sì, se lo vedi da dietro, è tutto diroccato!! Infatti, come mi spiega il mio amico, nel 1817 una innondazione ne ha portato via una metà!! Ah! Ah! Ah! Tutta 'sta fatica! Ah! Ah! Ah! Ma va bene lo stesso, son contento di esser venuto da queste parti, e aver potuto vedere anche uno spaccato di vita rurale. Con qualche difficoltà, e scortato da alcuni bambini incontrati per strada, riesco a prendere un bus e far ritorno a Bahawalpur, dove arriverò alle 9 di sera, stanco morto.
Il giorno dopo, ancora un trasferimento.. si va a

LAHORE

Vi arrivo dopo soltanto 9 ore di pullman (perlomeno questa volta comodo, con tanto di arica condizionata!). Ovviamente è già sera (è sempre sera, qui! Fa buio prestissimo, di questi tempi!), ma trovo un passaggio per arrivare al mio hotel: un simpatico giovanotto infatti mi offre il pasaggio sulla sua nuovissima macchina, e avremo modo di chiacchierare
LAHORELAHORELAHORE

Il portale del Forte sullo sfondo, e in primo piano le mie guide personali
un bel po', visto che non riuscivamo a capiere dove fosse 'sto posto! E' l'indirizzo che mi aveva dato Corrado (ovviamente la mia giuda non ne parla.. troppo vecchia!) e quello che sembra il luogo di ritrovo per viaggiatori zaino in spalla qui a Lahore. Finalmente ne veniamo a capo: è tardissimo, saluto il mio amico, salgo, e son fortunato.. hanno un bel letto per me nel dormitorio! Incontro subito Corrado, e faccio la conoscenza di un altro Italiano (anzi, no.. un Riccionese!), che viene dall'India, si chiama Christian, e ci cucinerà un po' di pasta, usando tanto di Olio Sasso!
Il giorno dopo entrambi partono, e io decido di passare la giornata a oziare in hotel e a far un po' di bucato (lavatrice gratis!! Ne avevo proprio bisogno.. per fortuna che questa volta ho optato per portarmi dietro solo capi scuri!).
Il giorno dopo, sento subito che qualcosa non va.. già da qualche giorno mi sentivo un po' strano, ma non sai mai se si tratta solo di fatica o quant'altro.. Passo tutto il giorno a letto, e le poche volte che mi alzo, è solo per andare a fare scappate in bagno.. Dormo come un ghiro, e
LAHORELAHORELAHORE

Il portale della Moschea Badshani.. stupendo!!
la sera opto per cucinarmi un po' di pasta in bianco, e poi subito nanna. Di notte mi sveglio, e scappo in bagno, questa volta per una vomitata epocale!! E vai!! Mi escon liquidi da tutte le parti!! Il giorno successivo sto meglio ma ho addosso una fiacca colossale che mi costringe a passare gran tempo a letto, e quelle poche volte che mi alzo, sembro un bradipo. Scopro comunque che non son l'unico, in hotel, in queste condizioni: c'è chi, quando va nella sala internet, si porta la carta igienica appresso, e addirittura incontro un ciclista tedesco che si trova qui a svernare già da un paio di settimane, dopo essersi beccato la malaria in Baluchistan!
Sfrutto il tempo a mia disposizione er cucirmi un po' di roba, e rilassarmi un po'. La sera il tipo dell'hotel, mi prepara una pozione magica per risistemarmi lo stomaco: una specie di tisana dal sapore sgradevolissimo, che però si rivelerà talmente efficace che nei giorni seguenti dovrò mangiare vallate di prugneti per poter tornare in bagno!!
Il terzo giorno, son abbastanza a posto, così mi avventuro un po' in giro per la città. Lahore non è la capitale, non è la città
LAHORELAHORELAHORE

La moschea Badshani..
più grande, ma sicuramente è la più affascinante del Pakistan: centro culturale del Paese, è una cittadona da 5 milioni e passa di abitanti, ricca di storia e di siti interessanti da visitare.
Purtroppo il tempo a mia disposizione non è tanto, comunque riesco a vedere qualche bel palazzo di epoca brittanica, e a visitare la città vecchia, un intrico impressionante di viuzze, nelle quali una umanità multicolore vive e manda avanti i propri business, in un caleidoscopio di colori e sapori. La cosa più bella, comunque, si rivelerà la superba Moschea
+++++. Situata di fronte al famoso Forte (che putroppo sarà già chiuso, al mio arrivo..), è molto grande e si rivela di un fascino incredibile: sarà per la piazza antistante (sulla quale si affaccia, oltre al Forte, anche il ''''''), sarà per il portale riccamente lavorato, sarà per i giochi di luce (la visito infatti al crepuscolo), comunque sicuramente è, fin a queto momento, la cosa più bella vista in Pakistan.
Il giorno successivo, son ormai pronto a rimettermi in moto, così carico tutto, e me ne vado verso l'autostazione: ho infatti un obiettivo da raggiungere e il tempo comincia a stringere.. ho bisogno di arrivare a
LAHORELAHORELAHORE

Vista della Piazza sulla quale si affaccian la Moschea e il Forte.. un po' di relax in mezzo al caos della città vecchia

RAWALPINDI

Cittadona di 1,5 milioni di abitanti, sarà la mia base per i giorni successivi, e soprattutto per visitare quella che è la capitale del Pakistan, ossia Islamabad. Pindi, per gli amici, dista infatti solo 15 km dalla capitale, ed è qui che arrivan e parton i bus, e dove sopratutto si trovan le sistemazioni più economiche. Vi arrivo dopo 4 ore e mezza e, insieme a due ragazze coreane che eran sul mio stesso pullman, trovo dadormire presto l'hotel scelto in precedenza: certo non un cinque stelle, ha comunque un dormitorio, dove oltretutto dormirò per tutto il mio soggiorno da solo (e questo la dice lunga su quanti viaggiatori arrivan da queste parti..)
Io, praticamente, son arrivato fin qui per ottenere 'sto benedetto visto indiano. Comunque, il giorno sucessivo, è domenica, per cui posso prendermi la giornata libera, ed andare a visitare Taxila, distante una trentina di chilometri, e dove si trovan le rovine Buddiste di Gandhara, risalenti al sesto secolo. Una volta sceso dal bus, faccio conoscenza subito con Asjad, un ragazzo che si rivelerà una piacevole compagnia per tutta la giornata: con lui arriverò di fronte all'entrata del Museo, dove devo far la mia scelta: visitare
LAHORELAHORELAHORE

Altra foto della Piazza..
le rovine, o visitare il Museo: costan infatti entrambi 200 rupie, e non ho voglia di spender 400 rupie per un po' di vasi e qualche pietra. Opto alla fine per le rovine: son varie e su una superficie molto estesa, per cui, insieme a Asjad, che mi fa da guida, scelgo di andare a vedere il sito di Dharmarajika, che la guida dice il più importante. Come immaginavo, il sito in sè non si rivela nulla di particolare, comunque la giornata passa piacevole in compagnia del mio nuovo amico, con il quale avrò modo di chiacchierare a lungo. Affronteremo vari argomenti, passando dalla religione allo sport (sto diventando un esperto di cricket!), dalle donne alla guerra, da Bin Laden alla politica: tutto molto interessante.. finalmente ho potuto sentire punti di vista molto diversi dai miei, ma che comunque rispetto, in quanto espressi da una persona che reputo estremamente intelligente. E molto ospitale, visto che in tutta la giornata non riuscirò praticamente mai a tirar fuori il portafogli!! Grazie, mio caro Asjad!
Lunedì, è il giorno X. Da questo giorno, infatti, dipende il resto del viaggio..
Mi alzo di buon ora, e prendo il minivan che mi porta fino a
TAXILATAXILATAXILA

Il sito di Dharamarajika
Islamabad. Arrivato a al mercato, scendo e prendo un taxi. Chiedo dell'ambasciata indiana, e il taxista mi porta ad una specie di parcheggio. Dapprima non capisco, poi chiedo, e realizzo.. tutta l'area delle ambasciate, qui a Islamabad, è area off limits, nella quale, per accedere, si deve, nell'ordine: lasciare il bagaglio, comprare il biglietto per la navetta che va all'ambascaita di tuo interesse, farsi perquisire, far la coda per la navetta, farsi il tragitto sulla navetta, e cercare di capire quando dover scendere. Oggi son parecchio nervoso: di mio non sopporto le ambasciate.. se poi aggiungiamo che questa è l'ultima chance per ottenere il visto indiano, e che le info al riguardo non son delle migliori, capite anche voi come tutta questa trafila mi stia facendo bollire il sangue! Basta infatti anche solo che mi chiedan una fotocopia che non ho, che devo tornarmene in città, perdendo una giornata intera. Quando scendo, trovo davanti ai cancelli dell'ambasciata un miliardo di Pakistani.. e sapevo io!!! Ci manca solo che debba far 9 ore di fila, e sentirmi dire "Closed, tomorrow!". Provo allora a mettermi davanti al cancello e a farmi vedere dalla guardia (questa è la tattica, quando sei straniero, per
A NEW FRIEND!A NEW FRIEND!A NEW FRIEND!

Asjad.. thank you for the free tour!
passare davanti a tutti gli altri..). Purtoppo qualcuno da dietro mi richiama, e mi fa mettere in fila. Sto compilando i vari moduli, quando vedo arrivare da lontano un altro straniero: avanza a testa bassa, si guada intorno, mi rivolge la parola, poi mi fa segno di seguirlo. Ci schiaffiamo di nuovo davanti al cancello, e tempo cinque minuti, che la guardia ci fa entrare.. e vai!! Consegno la domanda, le foto, e quant'altro, e la tipa, gentile, mi dice di ripassare la settimana successiva. Ok, questa è fatta.. ora devo solo aspettare.. e sperare che il lunedì successivo il visto ci sia, e come lo voglio io!! Finita la trafila, faccio conoscenza con lo straniero: Si chiama Gopal (questo è il suo nome indiano), ha 43 anni ed è Francese. Passeremo l'intera giornata insieme: mi porterà infatti al Tourist Camp, alle porte della città, dove lui dorme, sul suo van, in compagnia della moglie e di due simpatici cagnetti. E' ormai da una vita che fanno, ogni anno, la spola dalla Francia all'India, dove han messo su un'attività imprenditoriale: Sylvie (la moglie), che conoscerò la sera a cena, produce infatti vestiti, e usa queste zone per trovare tessuti e
ISLAMABADISLAMABADISLAMABAD

La moschea Shah Faisal, la più grande dell'Asia
materiali di ottima qualità a prezzi stracciati.
Il giono successivo, è semplie da descrivere: letto, letto, e poi letto.. Il tempo infatti è brutto, così passo il tempo leggere, a litigare con il tipo dell'hotel per avere un secchio di acqua calda per fare la doccia, e poco altro..
Il quarto giorno di permanenza, vado a visitare Islamabad: mezzo milione di abitanti, è una città nata da poco, con l'unico scopo di fungere da capitale. Dovrebbe esser la vetrina del Pakistan, invece si rivela una città insulsa, senza anima. Costruita sulla falsa riga di Brasilia, dovrebbe esser una città su misura dell'uomo, e invece risulta praticamente impossibile da girare a piedi, con le distanze incolmabili e con veramente poco da vedere. Unica nota di interesse, la Moschea più grande del mondo, gentil dono del vecchio Re saudita Faisal, dal quale prende ora il nome. Avevo visto la seconda (a Giakarta) così non potevo esimenrmi dal visitare questa: moderna, tutta in cemento, risulta piacevole nel suo insieme, ma molto lontana dalle moschee turche.
La sera, vado a incontrare la mia coppia francese, e si va a cena insieme. Ma son di nuovo in partenza.. ho preso la mia decisione, infatti.. o
PESHAWARPESHAWARPESHAWAR

Snugglers Bazaar.. oltre questo punto, è proibito andare.. chissà perchè?!?
meglio, l'avevo già presa quando ero in Turchia.. Nella vita bisogna pur andarsela a cercare ogni tanto, per cui ho deciso che è giunto il momento di correre un po' di rischi, ed andare a visitare

PESHAWAR

Diventata famosa ai tempi della guerra in Afghanistan, il suo nome significa "Città di Fontiera", il che la dice lunga su cosa si possa trovare da queste parti.. L'etnia prevalente è quella Pastun, la stessa dei Talebani, ed è una delle città piu conservatrici del Pakistan. Non ci si può avventurare al di fuori dei suoi confini senza scorta armata, per cui in teoria è impossibile andar a visitare i vari villaggi tribali, dove la gente si è ingegnata e ha messo su un bel business: fabbricare armi in casa! Armi che poi puoi tranquillamente comprare allo Smugglers Bazaar, situato all'estrema periferia della città, sulla strada per Kabul. Sfortunatamente non tutto il mercato è visitabile, in quanto un cartello ti dice che oltre non si può andare, e una guardia ti blocca.. niente bancarelle di droghe varie (questa è la via dei corrieri, e per strada puoi vedere molti profughi afgani, che vivon da rifugiati in baraccopoli ai margini della città,
PESHAWARPESHAWARPESHAWAR

Qui l'Afghanistan è nell'aria..
che passano il tempo a fumare eroina..) e armi per gli stranieri!
A dire il vero l'atrmosfera generale mi risulta più distesa di quella di Quetta, e addirittura riesco a vedere donne non velate.. Avrò modo poi di visitare la Città Vecchia, e di fare la conoscenza, presso il mio hotel, di una nutrita comunità italiana: ribecco, anche se solo per un giorno, Christian, incontrato la prima volta a Lahore, e poi cososco una coppia di Modena, che ormai da anni vive in giro per il mondo, e un signore, che a prima vista avevo scambiato per un locale, e che invece vien da Treviso ed è appena tornato dall'ennesimo viaggio in Afghanistan, da lui visitato per la prima volta 34 anni fa, e da lui tanto amato..
Ma è tempo di tornare indietro.. devo recuperare il mio passaporto.. il 29 devo esser a Delhi.. devo incontrare una persona speciale..

LINKS:

cosimoagiro: sempre più perso, ma non disperso, in quel di Cina.. che direzione prenderà il nostro eroe?
unz l'ospitaliero: entrato in una fase meditativa, cosa ci riserverà per il futuro?
i viola in viaggio: una new entry nei links, si tratta di una coppia italiana che ha deciso di dargliela su per un po', e di intraprendere anche loro un viaggio verso dove sorge il sole. Buon vento!!

Advertisement



2nd December 2006

IMPORTANTE!!
Ciao ragazzi!!! Allora.. è da un po' che non mi faccio vivo, ma qua gli eventi si susseguon frenetici, e non riesco mai a trovare troppo tempo per collegarmi! Son comunque arrivato a Delhi.. A tal proposito, avverto sin da ora che per il prossimo aggiornamento, passerà un po' di tempo.. come anticipato in questa pagina, infatti, è giunto il momento di reincontrare una ragazza per me speciale.. proprio a Delhi ci eravam salutati 250 giorni fa.. viaggeremo in giro per l'India per un mese e mezzo, dopodichè lei tornerà in Sud Africa, mentre io proseguirò per la mia strada.. Ho risposto a chi chiedeva di lei.. Per Nicola: auguri! Mi dispiace non esser potuto venire alla tua festa, ma ho perso la chiave della soffitta, così mi tocca starmene qui rintanato ancora per un bel po'.. Natale?! Che cos'è Natale?!? Per Fabio: a proposito di ferri.. vai un po' a vedere lo sponsor sulla maglia del Real Madrid! Riguardo Casaro, mi ha mandato una mail in cui mi spiegavache lui ha scritto la mala con penna e calamaio, e poi l'ha data a una sua cliente, che ha il fratellino con il Commodore 64.. ecco svelato l'arcano!! Per Pier: perchè, Casarone era mai riuscito a soddisfare la Stefania?!! E soprattutto.. aveva ancora punti sulla patente? Forse l'ha ricaricata con i punti della raccolta ESSO.. Adesso vado.. C'è lei che mi sta aspettando.. per il prossimo mese userò questo spazio per tenervi aggiornati sulle novità, in attesa di pubblicare una pagina nuova.. quindi scrivete pure che leggo tutto!!!!!!!!!!!!!!!!! CIAO!!!!!!!
22nd December 2006

Buon Natale e Buon anno Lambo. oggi vado in vacanza e fino al 4 gennaio non guarderò il computer....era ora!!!! questa sera vado da Fabio che mi prepara il cotechino con il purè, mi ha ucciso il maiale ieri e oggi lo insaccava, poi mi ha promesso che mi suonerà "hanno ucciso l'uomo ragno" degli 883 con la Zampogna scozzese che ha comprato in piazzola l'hanno scorso a natale e nascondeva a tutti, e è un anno che fa le prove di notte chiuso nel suo garage per non farla sentire a nessuno, con Casaro vestito da Re Magio, erano 3 i Re Magi vero? c'era: Re Magio, Re Luglio e Agosto!! Ficoooooo ciaooo
25th December 2006

BUONE FESTE!!!
Ciao a tutti!!!! Allora, qualche aggiornamento da questa parte del mondo.. Son fermo da 2 settimane in un piccolo villaggio sul Mar Arabico in quel del Gujarat.. e' che abbiamo trovato un posticino davvero favoloso, ideale per passare un po' di tempo in completo relax.. niente dettagli, leggerete poi piu' avanti quando aggiornero' il sito.. Per il resto faccio gli auguri a tutti i lettori di un felice Natale e di uno splendido inizio di anno! Complimenti a Sarida che finalmente ha partorito la sua Laurea: un nuovo Dottore a Bologna! Auguri a Pier per ieri: IO non mi scordo i compleanni!!!!!!!!!!!!!! Per Nicola: dove vai di bello? Las Vegas dicon sia bellissima sotto le feste!! A Casaro.. sei poi andato da qualche parte con la tua amata? Sempre a programmare, e poi... A Fabio: complimenti per la zampogna, non sapevo.. e so che sei particolarmente eccitato, visto che si avvicina l'ultimo dell'anno e.. be', forse e' meglio non infierire troppo!!!!!!!!! Per il resto, ancora auguri a tutti, e appena riesco (qui collegarsi a internet e' un'impresa!) rispondo a tutte le mail arretrate!! Ciaooooooooooo!!!!!!!!!!
1st January 2007

BUON ANNO!!!!!
..e buon proseguimento!! Hai sentito allora?! Sei mancato all'evento dell'anno (scorso,ormai)...Dott.ssa Bianchi!! ...e io, ce la farò a superare questi dannati ultimi 4 esami?!??! ti abbraccio e continuerò a seguirti, grande narratore!
3rd January 2007

Buon anno
Ciao Andrea ... innanzitutto buon anno e grazie degli auguri ... guarda che neanche io mi scordo, solo che quando ti dico "BIRRINO?" in realtà è perchè ti ho organizzato una festa a sorpresa e non voglio bruciarmela !!! Per il resto noto che anche il vero viaggiatore quando è in dolce compagnia diventa villeggiante ... è proprio vero che tira più un ... (il resto lo sappiamo tutti!) Qui tutto bene per quel che mi riguarda a parte vari deliri dei quali sarai informato al tuo ritorno (sempre che ci sarà un tuo ritorno); per quanto riguarda gli altri Fabio ti scriverà e il Casaro invece ha passato il capodanno a Firenze ma si narra che non sia mai uscito dall'albergo perchè alla domanda com'è il Pontevecchio lui mi ha risposto : Mah! A presto.
4th January 2007

bella vecchio! innanzitutto buon anno! allora come va il soggiorno insieme alla tua amata? vorrei chiederti un pò di cose ma siamo in mondoascolto e quindi te le risparmio dai!! allora che hai fatto a natale e per l'ultimo dell'anno?? hai mangiato il panettone e i tortellini e lo zampone con le lenticchie?? lo so che ti stai leccando i baffi e allora continuo con panettone ricoperto di cioccolato fuso fondente ripieno di cioccolato al latte e uvetta di cioccolato, torta di riso della tua mamma che spero quest'anno ti rifarà così me la regali come l'anno scorso, torrone di cioccolato con mandorle di cioccolato ripiene di cioccolato e siccome tra un pò c'è la befana ti parlo di una calza di...indovina..cioccolato con dentro la nutella colata!! dai dì la verità che senti la mancanza dell'italia! Cmq io qui me la sto spassando di brutto: l'ultimo dell'anno solita serata al pineta con quelle modelle dell'anno scorso e qualcuna nuova che poi ti farò conoscere e questa settimana sono in ferie perchè volevo andare a sciare a cortina con il flavio ma porca miseria...vecchio quest'anno non arriva l'inverno è incredibile sembra di essere all'equatore! E' colpa dell'inquinamento che casaro produce con tutte le sigarette che si fuma nel tragitto bologna mirandola ( che poi sono solo 25 o 26 km, si insomma in una ventina di minuti ci sei tranquillo............), non c'entra niente ma volevo prendere un pò in mezzo il casarone (ormai è un rito) e non sapevo come farcelo entrare!!!! va bè vecchio fatti sentire presto...quand'è che ti abbandona la tua amata così ci sappiamo regolare?? anche perchè nicola lo sento un pò geloso in questi giorni!!!! oh buon proseguimento e buon anno ancora! ciaoooo!
10th January 2007

buon anno lambo.non ci conosciamo di persona ma per vie traverse ti seguiamo gia da un pò.siamo amici di i viola in viaggio ....e sempre piu curiosi andiamo alla ricerca di vedere se hai aggiornato il blog ....noi continuiamo ad aspettare ...le tue foto e i tuoi racconti sono spazziali.a presto anto max
12th January 2007

salutino
ciao giramondo tutto ok?
4th February 2007

thanks
thanks for visiting my homeland but sorry could not understand ...it germen... dutch :( great images
1st August 2010
UCH SHARIF

beautiful
all tombs are very beautiful .i wish to see all tombs
22nd September 2010
BAHAWALPUR

Hmmmmm....; Nice old Buildings

Tot: 0.253s; Tpl: 0.018s; cc: 16; qc: 76; dbt: 0.0576s; 76; m:apollo w:www (50.28.60.10); sld: 3; ; mem: 6.7mb